Google Keywords

Google Keywords | Come scegliere le parole chiave giuste

Hai un sito, un e-commerce o un blog e sei alla ricerca delle keywords importanti per te? Scopri come aumentare il traffico con alcuni segreti SEO.

In questo post affrontiamo un aspetto importante della SEO: le parole chiave sono tutte uguali? Come posso sapere quali sono le keywords più ricercate dalla mia audience? Se il mio sito è nuovo, da dove inizio?

Sommario

In questo post che tratta una parte delle tecniche SEO vedremo:

  • Come trovare le Keywords o parole chiave
  • Come usare gli strumenti di ricerca delle Keywords
  • Come scegliere le Keywords giuste per il tuo sito

Come trovare le Keywords

Quando si parla di SEO la base di partenza è creare contenuti che rispondano al meglio alle ricerche degli utenti.

Ipotizziamo che il mio sito tratti ad esempio di scarpe.

La domanda che mi devo porre è: “Cosa cercano le persone su Google in relazione alle scarpe?”

Dobbiamo sempre partire non da cosa vogliamo noi, ma da cosa cercano gli utenti. Se il tuo obiettivo è che il tuo sito di scarpe venga visitato

  • Scopri cosa cercano gli utenti a questo proposito
  • Crea un contenuto che parli di questo.

Semplificando per essere chiari: parti dalla parola “base” SCARPE usando ad esempio diversi tools gratuiti.

Barra di Ricerca Google

Digita la parola scarpe nella barra e vedi cosa ti suggerisce Google (meglio se fai questo in anonimo così le tue precedenti ricerche non influenzano questi risultati)

Ricerca Google

Questo sono keywords interessanti per te, perché Google ti sta elencando quello che le persone stanno cercando partendo dalla parola chiave “scarpe”

Sempre utilizzando Google per la ricerca delle Google Keywords, vai a vedere la sezione in fondo alla pagina delle ricerche correlate.

Vuoi ancora approfondire di più?

Andiamo ancora un pò oltre e in profondità. Nella lista delle keywords suggerite in fondo alla pagina (Ricerche correlate) clicca ad esempio su “scarpe nike” e osserva cosa trovi in fondo alla nuova ricerca.

Ricerca parole chiave

altre parole chiave ottime da usare. Torna indietro e fai così sulle altre parole per trovare tutta una serie di keywords interessanti per il tuo caso.

Barra di Ricerca Youtube

Un altro strumento molto utile con cui fare la stessa cosa nella ricerca è YouTube. Vai sulla piattaforma e fai la stessa cosa di prima, inserendo la parola scarpe nel suggest e poi spazio

Ricerca Youtube

sebbene Youtube appartenga a Google vedete che i risultati sono parzialmente differenti e questo ci offre altri spunti per parole chiave pertinenti con il nostro sito di scarpe.

Quindi qui hai 2 strumenti gratis di Google che ti dicono: “Ehi queste sono le parole chiave maggiormente correlate alla tua ricerca di partenza “scarpe”, quindi, siccome ci sono migliaia di persone che ogni giorno cercano queste keyword, sarà meglio che facciano parte del contenuto del tuo sito di scarpe”.

Google Trends

Un altro tool gratis per le parole chiave, sempre di Google è proprio Google Trends. Facile da usare offre in tempo reale l’andamento delle parole chiave.

Ad esempio sempre su “scarpe Nike” il risultato è questo

google-trends

Molto interessante per la ricerca di nuove parole chiave è la schermata sotto questo grafico, con in evidenza Keywords particolarmente “calde” come “nike air max 720” su cui vale la pena di investire del contenuto.

Come usare gli strumenti di ricerca delle Keywords

Abbiamo visto come strumenti integrati e gratis di Google ci offrono tanti spunti interessanti, ma per la Keywords Research possiamo usare tools esterni. Vediamone alcuni.

UBERSUGGEST

Ubersuggest è uno strumento che si appoggia alle ricerche di Google (ma chi non lo fa?), che ci suggerisce non solo Keywords, ma ci dice anche il volume, il potenziale CPC se facessimo una campagna Adwords, la Keyword difficulty e altro ancora.

Ubersuggest si presenta così. Scegliete la lingua ITA e inserite la parola chiave, ad esempio Pannelli Solari

ubersuggest

si vedono già molti dati interessanti come ad esempio l’andamento della ricerca negli ultimi 12 mesi, utile per capire la stagionalità.

Le informazioni utili continuano andando in basso. Ubersuggest ci segnala le parole chiave

  • Suggerite
  • Correlate
  • Domande
  • Preposizioni
  • Confronti
ubersuggest-seo

Rimanendo sulle suggerite, ci vengono segnalate per keywords da inserire nel nostro articolo/pagina sui pannelli solari, il trend mensile degli ultimi 12 mesi, il volume medio mensile, una stima di CPC se volessimo fare una campagna Google Adwords e poi la PD (paid difficulty) che altro non è il livello di competitività sulle campagna Adwords, dove 100 ci ice che sono parole moolto biddate da diversi competitor. Infine l’SD o Seo Difficulty che ci dice quanto è difficile scalare Google in organico. 0 significa facilissimo e 100 difficilissimo. Nel nostro caso si capisce come la keyword “pannelli solari acqua calda” con SD 36 sia più facile da scalare di “pannelli solari termici” con SD 46.

Google Keyword Planner

Sebbene questo strumento sia di Google, è accessibile solo se si ha un account Google Adwords. Possiamo dire che sia lo strumento più affidabile? Possiamo dirlo perché prende i dati da se stesso quindi è sia la fonte che il risultato. Anche gli altri sono affidabili, ci mancherebbe, ma qui il Keyword Planner gioca in casa.

Vediamo come funziona:

clicchiamo su “Individua nuove parole chiave” e poi inseriamo la nostra parola chiave “pannelli solari”

keyword-planner

vediamo subito tantissimo informazioni utili, come il volume medio mensile di ricerca (in questo caso in Italia, ma volendo possiamo restringere la ricerca ad aree molto piccole) avendo centinaia di parole chiave (qui ne vediamo solo alcune) da inserire nella nostra lista.

SEMrush

SEMrush è uno dei tool di ricerca delle parole chiave e non solo, più performanti, uno strumento di analisi e strategico super completo per fare SEO.

Inserendo la solita nostra parola chiave “pannelli solari” ci restituisce questa schermata

semrush

Lo strumento è veramente completo e permette tra le altre cose di “spiare” siti dei concorrenti e scoprire per quali parole chiave è indicizzato.

SEOZoom

Un altro tool simile a quello appena visto è SeoZoom, 100% italiano. Le funzionalità sono molto simili a Semrush e anche qui vediamo nell’esempio della keyword “pannelli solari” che ci fornisce le parole chiave correlate e le keywords con stesso search intent

Anche le funzionalità di Seozoom sono molto avanzate e permettono di fare analisi e strategie molto approfondite.

Come scegliere le Keywords giuste per il tuo sito

Hai fatto un gran lavoro, hai tirato fuori una lista lunghissima di keywords, ma adesso la domanda è: quale scelgo?

Non esiste una risposta giusta in assoluto e tante sbagliate, ma dipende da diversi fattori. Vediamo subito alcuni:

  • Il tuo è un sito nuovo?
  • L’authority del sito è bassa, media o alta?
  • Stai creando un contenuto cornerstone (un post super importante sul tuo sito)?

Search Volume

Istintivamente se una keyword è cercata tantissimo a noi interessa maggiormente rispetto a una parola chiave che ha la metà del traffico, giusto? È un po’ come chiederti se ti interessa aprire un negozio in piazza Duomo a Milano o in una frazione di un paesino in provincia di Terni. La risposta è scontata….ma…

Se il tuo sito non è autorevole per Google, che tradotto in parole semplici, significa che Google crede ci siano molti altri siti più titolati a parlare ad esempio di “pannelli solari” è difficile che “pronti e via” Google ci premi con un posizionamento in prima pagina.

Oggi non parliamo di authority dei siti, ma a scanso di equivoci, l’autorità di un sito non è data da investimenti pubblicitari che si fanno su Google, ovvero quanto quel determinato sito investe in Google Adwords, ma da tutt’altri parametri.

Ricordiamoci che l’obiettivo di Google è fornire i migliori risultati in termini di contenuti alle persone che cercano quegli argomenti, perché questo comporta che gli utenti sono soddisfatti perché cercano quello che trovano e quindi sempre più persone useranno Google per cercare informazioni = più traffico = più fatturato in pubblicità.

Quindi sono premiati siti con contenuti pertinenti, importanti, originali, fatti bene, su siti che fanno così da tanto tempo i cui contenuti sono condivisi su altre piattaforme perché ritenuti rilevanti.

Quindi se noi siamo nuovi o il nostro sito è meno autorevole non abbiamo chance? Certo che si, ma bisogna farsi questa reputazione con tanto lavoro e sudore da un lato, usando le giuste strategie (se fosse facile tutto lo farebbero, non credi?).

Allora magari iniziare da una parola chiave con keyword difficulty più bassa ci permette di iniziare a crearci quell’autorità di cui parlavamo prima. Parliamo delle famose Long Tail Keyword di cui avrai sentito parlare. Di solito si tratta di keyword di 3 parole.

Nell’esempio di prima di Ubersuggest delle parole chiave

  • Pannelli Solari – Vol 33.100 mese – Difficoltà 57
  • Pannelli Solari Acqua Calda – Vol 2.400 – Difficoltà 36

è saggio iniziare con la seconda, magari meno potente in termini di volume di ricerca, ma sicuramente più scalabile.

La Regola Sintetica è

Se sei nuovo o hai pochi contenuti con bassa authority, punta alle keyword con bassa difficoltà e poi (ci può volere tempo, dipende da quanto ci lavori) quando sarai più autorevole passa alle parole chiave con maggiore volume e difficoltà più alta.

Cerca quindi quelle nicchie in cui non ci sono tutti i grandi a combattere, fatti le ossa e poi torna …. un po’ come un pugile che inizia a fare incontri in palestre di periferia con avversari abbordabili, aumentando sempre più la difficoltà per poi alla fine giocarsi il campionato mondiale dei pesi massimi.

Google Search Console

A volte abbiamo degli strumenti sotto gli occhi che sono fonte inesauribile di informazioni. Avete collegato il vostro sito a Google Search Console? Se la risposta è no, fatelo subito. Vediamo cosa si vede di utile:

Ordinate in maniera decrescente per le impressions, così da capire il vostro sito quali query di ricerca attiva e per quali keywords. Ci sono delle parole chiave che attivano tante impressions, quindi vuol dire che sono molto ricercate, ma che ricevono pochi click. La strategia è creare contenuti super ottimizzati su queste keywords e tutti i sinonimi con lo stesso search intent.

 

Bardus Consulting è un’agenzia Web Agency a Torino | Contattaci per raccontarci i tuoi progetti e valutare un piano di sviluppo delle tue fatturato con il Digital Marketing.

Lascia un commento qui sotto, se hai delle curiosità o per avere maggiori informazioni

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri anche

Seo in Youtube
SEO

SEO in YouTube: 5 segreti di base per fare Video Marketing

Cosa vuol dire fare SEO in Youtube Sommario Se fai video e li carichi su YouTube probabilmente sai che differenza fa essere posizionati in alto nei risultati della ricerca organica. La differenza è tra molto traffico sul tuo canale, sui tuoi video e quindi se “vendi” qualcosa, più fatturato o perlomeno più notorietà e il

Google Keywords
SEO

Google Keywords | Come scegliere le parole chiave giuste

Hai un sito, un e-commerce o un blog e sei alla ricerca delle keywords importanti per te? Scopri come aumentare il traffico con alcuni segreti SEO. In questo post affrontiamo un aspetto importante della SEO: le parole chiave sono tutte uguali? Come posso sapere quali sono le keywords più ricercate dalla mia audience? Se il

ultimi articoli

Torna su